.
Annunci online

11 agosto 2010
L'Aquila, i successi del governo. Partecipa alla nostra campagna
Siamo tornati a L’Aquila a pochi giorni dalla visita di Bersani, Bindi, Franceschini e 140 deputati.Lo abbiamo fatto perché troppe volte Berlusconi garantisce che la ricostruzione è in atto. ma non è vero, per cui la sua frase sulla ricostruzione l'abbiamo messa sulle cartoline che gli spediremo e che vi chiediamo di mandargli con Mobilitanti.it (ci sono due serie, quella sui successi del governo e quella sul prima e dopo della ricostruzione che non c'è) e di farle circolare tra i vostri amici, come ha fatto anche Pier Luigi Bersani su facebook.Siamo tornati a L'Aquila senza pullman, telecamere, cronisti. Solo con il taccuino, la macchina fotografica e un permesso per la zona rossa del centro storico dove ci accompagnano un vigile del fuoco ed un’attivista del PD cittadino. E loro ci hanno fatto iniziare la visita dalla zona blu, dove l’accesso è libero. Ma le strade sembrano quelle di Beirut negli anni ’80: crateri nell’asfalto, palazzi crollati per metà, porte e serrande curvati verso l’esterno come da uno scoppio e polvere a ricoprire tutto. Siamo alle spalle della villa comunale, uno dei pochi luoghi di aggregazione all’aperto rimasti in una città che ormai si ritrova solo nei centri commerciali. Camminiamo per via Sturzo, villini liberty e palazzine anni ’60 in cortina. Vediamo la lana di roccia che garantiva l’isolamento termico alle mura delle case a L’Aquila, dove ad ottobre è già inverno, fuoriuscire dai muri sbrecciati. La zona è stata appena riaperta ed è stata una di quelle con più vittime. Due palazzine sono crollate completamente, ora c’è solo un buco enorme. L’asfalto in più punti si è aperto inghiottendo le macchine (qui è stata scattata la foto che ha fatto il giro del mondo la mattina dopo la scossa, che mettemmo anche noi in copertina) in un buco enorme. Alcuni sono riusciti a scappare con le macchine dai garage ma il passaggio delle auto caricate alla rinfusa ha portato a un crollo della strada con un vertice, come l’occhio del ciclone di un buco enorme. Poi c’è il buco dell’attenzione del Paese, il buco enorme in cui sono finite le domande e le telecamere su chi viveva fuori dalla zona rossa, su come le persone provano a ricostruire, su qual è la situazione del centro storico, su quanto dovrà aspettare chi ci viveva per riavere la sua casa, insomma le domande sui successi del governo, già venduti dal sommario del TG1 e archiviati. Tant’è che quando abbiamo pubblicato delle cartoline per far vedere come stanno le cose, anche da voi una domanda ricorrente è stata: “Ma davvero stanno ancora così”, con commenti del genere “SE fosse vero sarebbe uno scandalo”. E’ vero. E’ così, allora accompagniamo alle cartoline tutte le altre foto che abbiamo scattato e queste poche righe, facciamo un’OPERAZIONE VERITA’ prima degli strateghi del PDL. Passata la prima fase dell’emergenza la ricostruzione per partire ha bisogno di permessi, controlli, parere sulla situazione degli edifici, tutto per evitare nuove tragedie ovviamente.Ma finita la fase dell’emergenza per tutti i sequestri e le verifiche sugli edifici quanti vigili del fuoco sono rimasti a disposizione della sezione giudiziaria? Nove. Sì, 9, li contate sulle dita di due mani. Ma a L’Aquila ad aprile 2009 gli sfollati nella fase di prima emergenza erano circa 67.000. Oggi nelle case costruite dopo il terremoto e nei prefabbricati vivono in 22.995. Gli altri 29.179 che vivono in case in affitto, i 3.127 negli alberghi sulla costa ed i 569 ospitati in due caserme vivono in una città che è tornata al normale organico che faceva le verifiche sugli edifici prima del sisma.Perché? Perché da giugno non ci sono più i fondi. Ma ne servirebbero almeno 126 come ha calcolato uno dei sindacati dei Vigili, il Conapo, in una relazione.Via Campo di Fossa è stata una delle strade più colpite. Siamo nella zona blu, non dovremmo sentire il silenzio frastornante del centro storico. Con noi c’è una persona che torna con la mente indietro di 30 anni: “Quando sono andato a Nocera Inferiore sei giorni dopo il terremoto. Stesso cupo silenzio ma, una sostanziale differenza: il terremoto dell'Aquila è stato 15 mesi fa!” ci dice. Ha ragione. Eppure non ci sono automobili, non ci sono betoniere, non ci sono i caschi gialli degli operai. Solo puntelli. Ecco tutta l’Aquila scopriamo oggi è nella stesse condizione: puntelli, ponteggi, architetture di legno che mettono in sicurezza le mura delle case per evitare di farle cadere. Poi basta. Non ci sono cantieri. Le ditte private che qui dovevano ricostruire non sono state ancora mai pagate, così da mesi hanno smesso. Tutti servizi che sono sottoterra hanno danni ancora enormi che nessuno vede: palazzine di 5 piani sono implose i tubi che portavano gas, acqua e luce sono aggrovigliati e non si può rivivere senza prima rimetterli in sesto. Ma per terra nell’asfalto ci sono solo i buchi dei carotaggi per verificare cosa è successo là sotto, se ci saranno nuovi crolli. Poi tutto è sospeso.Entriamo nella zona rossa alle 12. Da piazza Duomo dove prima c’era il mercato e adesso il tendone bianco delle assemblee autoconvocate dove Bersani ha ribadito gli impegni del PD per gli aquilani: l'appoggio alla loro proposta di legge popolare e la richiesta di una tassa di scopo per la ricostruzione.Anche il Duomo è stato puntellato, ma praticamente è rimasta solo la facciata. Gran parte della volta adesso è nel cortile della curia: accatastata perché le macerie andranno riclassificate, catalogate, la speranza era quella di fare come ad Assisi. Ma a L’Aquila con il teleobiettivo notiamo dei particolari: la scavatrice gialla davanti è impolverata e sopra la collinetta di detriti crescono le erbacce.Primo successo del governo a L’Aquila: cresce il verde pubblico. Il duomo lo stanno svuotando ora, dentro è totalmente distrutto, imploso. Anche qui solo la messa in scurezza: legno e metallo che ingabbiano i palazzi.Poi passiamo in Piazza della Prefettura: lo sfondo del G8 , tutti i grandi si sono messi in posa davanti alla scritta tremolante PALAZZO DEL GOVERNO. Quella scritta era il simbolo di uno Stato smarrito e il governo solo sul simbolo ha lavorato, mettendolo in sicurezza, puntellando l'ingresso porticato e tirando su una tettoia per evitare che ci piova dentro. Se non piove a vento. Poi basta fare 10 metri e le tettoie svaniscono. Altri 10 metri e l'ingresso del cortile è ricoperto di macerie, detriti, oggetti. Altri 10 metri e la casa del prefetto non è neanche stata messa in sicurezza. Niente puntelli, niente transenne, incombe sui passanti. Il prefetto quella sera non dormiva qui perché c'era stato l’avvicendamento nell’incarico da poco. Ecco la ricostruzione che non c'è, la messa in sicurezza incompleta se dopo un anno e mezzo questo che era un edificio pubblico è in condizioni spaventose. E' un dietro le quinte doloroso che non avremmo mai voluto, è la conferma che la ricostruzione è una rappresentazione, messa in scena per le telecamere e gli elettori. A destra della fu Prefettura e sede della Provincia c'è un teatro. Sul balcone campeggia uno striscione: noi alle 3 e 32 non ridevamo. Rideva chi pensava al business della ricostruzione.Ma neanche quella comincia nelle strade riaperte perché prima andrebbero fatte le demolizioni degli edifici pericolanti, poi andrebbero classificati i materiali (ed è una lavoro delicato che non possono fare i volontari), poi andrebbero smaltiti i materiali. Non ci sono i depositi di stoccaggio, Protezione Civile e Governo non hanno neanche pensato di riadattare delle cave. Così tutto si ferma e per la ricostruzione, per ripopolare il centro storico servirebbero almeno 10-13 anni. Concludendo il G8 il premier aveva detto: "Per la ricostruzione di tutti gli edifici compresi anche quelli storici ci vorranno degli anni ma l’impegno è quello di concludere tutto entro la legislatura". Forse Berlusconi sarebbe riuscito a mantenere quella promessa? No, al massimo poteva far partire i cantieri, ricostruire in 10-13 anni sarebbe possibile partendo subito. Invece si accumulano i ritardi. E allora il popolo delle carriole? Vi ricordate gli aquilani che spalavano le macerie? Bollati come lamentoni impazienti, tacciati con l'arrivo dell'esercito. Ma i militari hanno liberato Piazza Palazzo, la sede del Comune, davanti alla quale il sindaco Massimo Cialente convocò un consiglio comunale all’aperto, per far vedere a tutti la situazione. Ma il TG1 ebbe l’impudenza di titolare: “Festa grande a L’Aquila, riaperto il centro storico”! Adesso i militari non spalano, presidiano la zona rossa così non c'entra nessuno. Le macerie restano nei vicoli perché sono i vigili del fuoco ad occuparsene, ma sono sotto organico e dal 1° luglio senza fondi. Mentre il loro rapporto stima in un tempo indeterminato quello necessario a rimuovere le macerie e chiede sicurezza sul loro impegno anche da novembre 2010, quando l’inverno sarà ancora più duro.Incrociamo i soldati in mimetica vicino alle transenne. Altro successo del governo a L'Aquila: meno traffico.Ma dopo l’eventuale verifica del piccolo gruppo di vigili chi vive nella zona blu potrebbe ricostruire? Per un condominio piccolo, con 6 appartamenti ci vogliono almeno sette autorizzazioni. Una per ogni appartamento più quella per le parti in comune. Le pratiche vanno portate alla Fintecna che gestisce la ricostruzione che le invia in tutta Italia a periti giurati, tecnici esperti, così da avere entro 30 giorni le risposte con le osservazioni. I sei condomini hanno altri 30 giorni per rispondere, poi devono attendere un contro parere e poi altri 2 mesi per avere il possibile via libera. Il che vuol dire far passare almeno altri sei mesi in cui la casa dove dormivi è esposta alle intemperie. A volte su un piano di recupero che inciderà per almeno 100.000 euro su ogni famiglia le osservazioni possono riguardare modifiche da effettuare che fanno variare l’importo anche di mille euro, basterebbe dire ai proprietari che possono partire assumendosi questo costo ulteriore. Ma le modalità della ricostruzione non sono state discusse con i cittadini. Passiamo accanto a Palazzo Napoleone, il tetto è sfondato. Sono centinaia i palazzi così: ci piove e ci nevica dentro, i piccioni sono migliaia. Altro successo del governo a L'Aquila: più aria pulita.Gli abitanti del centro si sono trovati anche un tetto bassissimo per gli indennizzi. 10.000 euro in cui far rientrare anche l'automobile distrutta dal sisma. La rimozione è gratuita. Ma solo se la casa è stata classificata come E (da demolire) e la macchina era in un garage o cortile. Ma la domanda è quella del risarcimento di beni mobili, così tante famiglie devono scegliere se includere le cose di casa o l'auto. L'unico risarcimento 10.000 euro, non fa distinzioni, non è progressivo. La cifra è quella anche se avevi casa, macchina e magari un piccolo negozio in centro. L’ordinanza della Protezione civile non permette di cumulare i risarcimenti (massimo 10mila euro), tra abitazioni principali ed attività. Così tante famiglie che hanno perso tutto non riavranno niente, finiranno per dover abbandonare la speranza di rientrare nel centro storico. Il berlusconismo è soprattutto questo mix: effetti speciali e titoli su giornali e TG quando la soglia d’attenzione è alta, obiettivi determinati e raggiungibili distogliendo l’attenzione come la desertificazione del centro nascosta dalle photo-opportunity mentre si sostiene una ricostruzione antieconomica e non partecipata, una cortina di silenzio sulle proposte alternative e sulle denunce, dei partiti di opposizione come dei cittadini aquilani o di chi tenta di fare informazione come "la valigia blu" che ha fatto un’operazione simile alla nostra con una telecamera ripresa anche da l'Espresso. Però volevamo credergli a Berlusconi, la frase sulla ricostruzione l'abbiamo messa sulle cartoline che gli spediremo e che vi chiediamo di mandargli con Mobilitanti.it (ci sono due serie, quella sui successi del governo e quella sul prima e dopo della ricostruzione che non c'è) e di farle circolare tra i vostri amici, come ha fatto oggi anche Pier Luigi Bersani su facebook. Bastano delle cartoline al PD? No, lo scorso anno alla ripresa dell’attività parlamentare dopo la pausa estiva abbiamo presentato una mozione per chiedere al governo di attivarsi a favore delle popolazioni abruzzesi colpite dal sisma dell’aprile 2009. In particolare chiedevamo al governo, prima di tutto, di riferire sullo stato di attuazione della complessiva opera di ricostruzione abitativa; di assumere iniziative per la tutela delle attività produttive sospese per il terremoto; di prendere iniziative volte a prorogare la sospensione del versamento delle tasse, prevedendo per la restituzione un trattamento analogo a quello previsto per i terremotati di Marche e Umbria. Con la mozione chiedevamo anche di prevedere un incremento delle risorse per finanziare l’istituzione della zona franca urbana e di predisporre, ai fini della trasparenza, la pubblicità dell’elenco dei fornitori, comprensivo dell’oggetto della fornitura e del relativo importo, dello stato delle somme erogate e dei relativi beneficiari, degli interventi programmati e dello stato di realizzazione delle opere. La mozione è stata approvata dall’aula di Montecitorio all’unanimità. Ma nei mesi successivi questi impegni sono stati tutti disattesi dal governo della destra.In questi 15 mesi abbiamo scritto di tutte le iniziative fatte dall'opposizione. Ma la maggioranza le ha bocciate, impedendoci di attuarle.E’ chiaro, vogliono le elezioni anticipate per parlar d’altro invece che dei problemi degli italiani, quelli non li sanno risolvere.Marco LaudonioFoto di Francesca Minonne

5 dicembre 2009
Una piazza viola che dice no a Berlusconi. Bindi: "Non mettiamoci il cappello".
Piazza San Giovanni piena a Roma per il NO B DAY la prima manifestazione autoconvocata via internet per chiedere le dimissioni del premier Silvio Berlusconi. Un corteo, partito con inusuale puntualita' da Piazza della Repubblica alle 14, tutto viola.E' stato il viola, colore scelto perché ''non occupato ancora dalla politica'' e come simbolo ''di quegli italiani che non vogliono 'violare' le leggi'', a predominare nella giornata del 'No B' di Roma.
Tra i tantissimi striscioni che hanno sfilato, mischiati tra quelli dei precari dell'Alitalia o del Comitato 'No Ponte', c'erano cartelli dal sapore sarcastico con su scritto: ''Viva Panama'' o ''Questo e' il miglior corteo degli ultimi 150 anni''.

''Qui non c'e' un popolo di frustrati, ma di indignati – ha detto la presidente del Pd, Rosy Bindi sfilando nel corteo, con tanti applausi - sono qui per capire qualcosa di più di quello che abbiamo letto in questi mesi sul web. Quando le persone si incontrano - ha continuato - c'e' sempre un valore aggiunto, ed e' molto positivo che qui ci siano molte persone, soprattutto giovani e donne che ancora hanno una capacità di indignazione e reazione rispetto alla vita del paese''.
A questo proposito, la Bindi ha sottolineato che le polemiche sul  Pd  e il 'No B. Day' sono ormai superate: ''Il fatto che io sia qui, che sono il presidente, vuol dire che queste divisioni sono superate''. E ai cronisti che le hanno fatto presente che diversi esponenti del partito erano assenti ha risposto con una battuta: “Ci fosse stato tutto il PD non sarebbe bastata piazza San Giovanni. Del Pd ce n'e' un po' perché questa e' una manifestazione di liberi cittadini. Chi e' voluto venire in piazza ci e' venuto, non ci dividiamo su questo. Per fortuna c'e' una cittadinanza che si indigna, che si ribella, che chiede libertà e il rispetto della Costituzione. Le alternative al governo di centrodestra si costruiscono con le parole fondamentali per la vita democratica: legalità, libertà, partecipazione e solidarietà".
                                                                                                                                                            Certo non mancavano i militanti e i circoli democratici, così come il capogruppo alla Camera, Dario Fanceschini, il vicepresidente del PD, Ivan Scalfarotto, e Ignazio Marino, Giovanna Melandri e Walter Verini, Rosa Calipari e Paolo Concia, Debora Serracchiani e Giuseppe Civati.

Entrambi gli ex candidati hanno affidato a twitter le loro considerazioni. Franceschini ha scritto: “Al ‘No B day’ mi inseguono le telecamere. Ma noi parliamo sempre. Oggi sto zitto perché devono parlare le ragazze e i ragazzi che sono qua".E Marino: “La legge è uguale per tutti. In questa piazza c'è il popolo italiano e questo è il posto del Partito Democratico. La piazza è piena di iscritti e simpatizzanti del partito. Non dobbiamo dimenticare queste persone nel fare opposizione al governo Berlusconi. In centinaia di migliaia ci stanno chiedendo oggi legalità e trasparenza, anche nel modo in cui vogliamo diventare ed essere alternativa a Silvio Berlusconi. La sensazione di una difficoltà del Pd nel rapporto con questa piazza è in larga parte costruita. Io ho pensato sin dal primo giorno che sarebbe stato importante partecipare e si vede oggi che è una giornata importante”.

La manifestazione non è stata trasmessa in diretta da una delle reti principali della RAI, ma solo da RaiNews24 e da YouDem, come ha denunciato anche il senatore democratico Vincenzo Vita: “Sono addolorato per il no alla diretta del Tg3 sul No-B day, si tratta di una grave miopia aziendale. Si tratta di un evento, al di là del colore,e i vertici Rai dimostrano così inadeguatezza. Il Pd di fatto c'è. Io spero che da qui parta l'unità dell'opposizione, una necessità perché bisogna sconfiggere Berlusconi che è un pericolo democratico".

Rosy Bindi aveva annunciato già  ieri la sua presenza al corteo: “Avevo detto che se non fossi stata presidente del Pd sarei andata alla manifestazione e ieri Bersani ha risolto il mio conflitto di interessi. Parteciperò come tanti nostri militanti, dirigenti ed elettori del Pd. Sarò insieme a loro: devono sentirsi a casa loro nella piazza e nel Pd. Non abbiamo mai voluto strumentalizzare un’iniziativa nata dal basso, con il tam tam della rete. Un grande partito non cerca di appropriarsi della piazza ma ne rispetta l'autonomia. Come ha detto Bersani  tutti devono dare una mano a unire e non a dividere l'opposizione, per costruire insieme un progetto efficace di alternativa alla destra di Berlusconi”.

Poi a San Giovanni parlando coi manifestanti ha spiegato: “Noi in Parlamento facciamo già opposizione e la facciamo bene, e faremo opposizione anche nelle piazze, nelle manifestazioni che il Pd ha organizzato, (vedi lo speciale www.partitodemocratico.it/1000piazze)  oggi siamo qui ad ascoltare, ma non ci mettiamo il cappello. Sinceramente mi ha dato fastidio vedere le bandiere di alcuni partiti al No B-Day, mi è piaciuto più il viola del bianco e degli altri colori. Ma da domani l'opposizione sarà più forte".

15 ottobre 2009
Donne e politica: 10 domande ai candidati alla segreteria PD
 immagine documento

Il ruolo delle donne in politica negli ultimi mesi è stato "oscurato" dagli scandali del Presidente del Consiglio, attorno ai quali è ruotato il dibattito. Su questo tema riceviamo e pubblichiamo 10 domande per i candidati alla segreteria del PD. In coda l'elenco dei firmatari, per chi si vuole aggiungere basta inserire nome e cognome nei commenti


In un momento in cui la nostra vita pubblica sembra segnata da forme di degrado civile e politico, testimoniato dalle vicende che hanno visto protagonista il Presidente del Consiglio e, di fronte alla sostanziale indifferenza con cui la maggior parte dell'opinione pubblica ha accolto le cronache di queste vicende, molte e molti di noi hanno sentito il bisogno di interrogarsi.
Pensiamo che il clima che si è creato, anche a seguito dei gravi insulti rivolti a Rosy Bindi nel corso della trasmissione Porta a Porta, impone, a tutti noi, di riprendere una discussione e una riflessione sulle forme che assume oggi la libertà femminile e sulla rappresentazione che ne viene fornita dai mezzi di comunicazione.

Su questo e su altro chiediamo ai tre candidati di esprimersi.

1)L'Italia è uno dei Paesi fondatori dell'Europa, quella stessa Europa che ha fatto passi importanti nell'affermazione della parità uomo-donna, così come sancita nei diversi Trattati istitutivi dell'Unione, in tutti i campi e a tutti i livelli della rappresentanza istituzionale e politica e della partecipazione attiva (mercato del lavoro, formazione professionale, congedi parentali, equiparazione salariale e equiparazione dell'età pensionabile). Date le notevoli differenze tra l'Italia e gli altri Paesi europei riguardo l'affermazione della parità, in particolare per quanto riguarda: accesso al mercato del lavoro, assistenza alla maternità, differenza di trattamento economico, sociale e salariale, come pensa si debba intervenire per colmare questo divario sociale e democratico?

2) Pensa ci siano delle differenze tra destra e sinistra nella concezione della democrazia e delle sue declinazioni, in particolare in merito alla democrazia di genere. E se sì quali?

3) Che posto intende dare alla "questione femminile" nel suo programma?

4) Perché gli incarichi più importanti di partito e di Governo, salvo rarissime eccezioni, sono affidati agli uomini? Quali sono i criteri di selezione della classe dirigente, sia maschile che femminile?

5) In un contesto in cui c'è bisogno di rafforzare le politiche di mainstreaming è d'accordo o meno con l'attuale configurazione del Ministero delle Pari Opportunità?

6) Si riconosce nei palinsesti televisivi, sia delle televisioni commerciali che di quelle del servizio pubblico, che configurano e veicolano mediaticamente un'immagine femminile con un enorme scarto tra la realtà e la rappresentazione che ne viene data?

7) In che modo intende dare voce a tutte quelle donne che non si sentono rappresentate dal prevalente modello offerto attualmente dalla televisione e da una parte politica?

8) Perché il Pd non è insorto a seguito delle affermazioni dell'On. Ghedini sull'utilizzatore finale?

9) Perché per avere i dovuti riconoscimenti nel mondo del lavoro le donne devono sempre abdicare alle proprie caratteristiche per essere altro: un tempo la mortificazione della propria femminilità e oggi la mortificazione del merito, in nome di uno stereotipo femminile esasperato e artefatto? Lei pensa che il Pd sia immune da questa logica?

10) Per molte ragazze politica e spettacolo sono mezzi equivalenti per emergere. Lei come pensa di restituire dignità alla politica, quella con la P maiuscola, e far sì che la stessa da percorso individuale torni ad essere bene a difesa dell'interesse comune?


Valeria Spada
Fabiana Pierbattista
Valeria Vitrotti
Matilde D'Ascanio
Valentina Lacchè
Fabrizia Giuliani
Ilenia De Bernardis
Francesca Filippi
Aitanga Giraldi
Sarah Pelliccia
Eva Carrus
Chiara Spada
Simone La Ruffa
Daniela De Francesco
Mauro Corrado
Patrizia Medelina
Davide Sardo
Umberto Camponeschi
Valeria Vanni
Gabriele Pisanti
Marco Puddu
Giulia Zuchegna
Badino Bruna
Medelina Agostino
Giulio Bugarini
Alessandra Boni
Domenico Romano
Francesco Di Giovanni
Gianluca Lanzi
Stefano Pugelli
Giulia Tempesta
Alessandra Alugi
Cinzia De Grandis
Cristina Vitturini
Matteo Ricci
Stefano Rocca
Riccardo Bucci
Ilaria Gelodi
Giulia Fainella
Marco Cillario
Simone Vellucci
Federico Gaeta
Riccardo Filippo Mancini
Edoardo Jacopo Mancini
Alessio Izzi
Marco Paladino
Francesco Vitillo
Massimo Casciotti
Renzo Colazza
Leone Di Mauro
Valentina Latini
Andrea Sgrulletti
Emanuele Vaccaro


sfoglia luglio        settembre